Notizie Viterbo

Asili Nido Gea presentati allo Spazio Attivo Lazio Innova di Viterbo

#Asili #Nido #Gea #presentati #Spazio #Attivo #Lazio #Innova #Viterbo

Un avvenimento patrocinato dalla Regione Lazio con la partecipazione dell’Assessore Regionale alle Politiche Sociali Alessandra Troncarelli

Un progetto educativo dedicato alla 1ª giovinezza che mette al centro l’inclusione, la cura del bimbo e le sinergie territoriali.

Gli Asili Nido Gea sono la risposta concreta alle direttive regionali in materia (legge regionale n°7/2020″ – Disposizioni in materia di sistema integrato di educazione e istruzione per l’giovinezza), al centro del congresso organizzato dalla Cooperativa Sociale Gea che si e svolto oggi 15 aprile alle 17.30 presso lo Spazio Attivo di Lazio Innova di Viterbo. L’avvenimento ha goduto del patrocinio della Regione Lazio e dell’intervento dell’Assessore Regionale alle Politiche Sociali Alessandra Troncarelli.

L’incontro di oggi si e rivelato essere un importante momento di confronto sulle buone prassi da promuovere e valorizzare allo scopo di garantire un adeguato livello di crescita educativa delle bambine e dei bimbi, assicurando pari opportunità di educazione, istruzione, cura, relazione e gioco. Con la Legge regionale 5 agosto 2020, n.7 Disposizioni relative al sistema integrato di educazione e istruzione per l’giovinezza, abbiamo ridefinito le regole dei servizi educativi per essere al passo con i tempi e le nuove esigenze delle famiglie. – ha dichiarato l’Assessore alle Politiche Sociali Welfare, Beni Comuni e ASP Alessandra Troncarelli -. Tante le novità introdotte come quella relativa al nido domestico che accoglie fino a un massimo di 5 minori di età compresa tra i 3 e i 36 mesi ed e realizzato in case private o in contesti di tipo domiciliare;  lo spazio gioco, che coinvolge bimbi dai 12 ai 36 mesi in un ambiente organizzato con finalità educative; l’outdoor education che prevede un’educazione connessa con il contesto ambientale, attraverso il probabile coinvolgimento di fattorie, agriturismi, riserve naturali e parchi; i poli per l’giovinezza, intesi come aree nella parte interna delle quali si trovano come minimo un servizio educativo e una scuola per l’giovinezza. Abbiamo voluto pure sostenere l’inclusione dei minori con bisogni educativi speciali prevedendo un progetto educativo personalizzato e integrato con le competenze sanitarie, adeguato alle esigenze individuali. Ricordo che alla base di uno sviluppo armonioso delle bambine e dei bimbi ci deve essere sempre la esperienza, amore e professionalità delle educatrici e degli educatori e percio non posso far altro che ringraziare la Cooperativa Gea che si adopera tutti i giorni per il loro benessere e crescita equilibrata.

Ad oggi, la Cooperativa Gea gestisce nove asili nido comunali nella zona di Viterbo, Roma e Rieti, un numero cresciuto nel corso degli anni contemporaneamente all’esperienza e alle specializzazioni di Gea nel settore.

Un avvenimento che ha messo in luce l’esperienza della Cooperativa Gea nella gestione del servizio nido ed i suoi capisaldi, come l’inclusione dei bimbi con disabilità, la continuità educativa, la precauzione e la rete del territorio. Con l’occasione, e stato trasmesso in forma ufficiale pure il nuovo logo del servizio e lo slogan che lo accompagna: Asili Nido Gea, verso un mondo da esplorare.

Da un lungo periodo aspettavamo il momento giusto per organizzare un avvenimento come questo, che raccontasse la mission del nostro servizio nido insieme ai professionisti mondiale della 1ª giovinezza che partecipano con Gea nella esecuzione di un progetto educativo inclusivo ed innovativo. La Regione Lazio, attraverso le linee guida in materia, si e dimostrata buono a temi che subito abbiamo vivo nostri, come l’inclusione dei bimbi più fragili, l’ascolto e l’attenzione ai bisogni delle famiglie, l’importanza della precauzione di disturbi, come quelli legati al neurosviluppo, gia dalla 1ª giovinezza. Per questo ringrazio l’Assessore Alessandra Troncarelli per il suo far continuamente luce sui bisogni concreti del nostro territorio, attraverso provvedimenti che fanno diventare il 3º Settore parte attiva della rete e della traduzione dei bisogni in servizi – ha dichiarato la Presidente della Cooperativa Sociale Gea, Alessandra Senzacqua.

A dare il proprio contributo, ognuno nel proprio settore, sono arrivati professionisti mondiale educativo e sanitario legato all’giovinezza che partecipano con Gea, l’Assistente Sociale del servizio di Neuro Psichiatria Infantile della Azienda sanitaria locale di Viterbo, Dott.ssa Linda Morini; la Manager dell’asilo nido comunale Il Nido a Colori di Viterbo gestito da Gea, Ester Veruschi; il medico pediatra degli asili nido comunali di Viterbo, Dott. Massimo Palumbo; la Manager di Attività Assistite con Animali in IAA, Debora Valentini.

L’avvenimento e stato tradotto pure in LIS (Lingua dei segni italiana) dall’educatrice Ester Veruschi.

Notizie Viterbo

Articoli simili