Notizie Viterbo

Caro prezzi: trucchetto sulle confezioni, scatta l’esposto pure a Viterbo

#Viterbo #News #Caro #prezzi #trucchetto #sulle #confezioni #scatta #lesposto #Viterbo

Caro prezzi: trucchetto sulle confezioni, scatta l’esposto pure a Viterbo

Il Codacons lancia l’allarme sul fenomeno del ”shrinkflation”: stesso costo per confezioni più piccole o con meno prodotto

VITERBO – Il suo nome è ”shrinkflation”: e la tecnica di vendere nelle stesse confezioni articoli ridotti in termini di dimensioni o quantità. Sarebbe questa la tecnica utilizzata dalle aziende per ”camuffare” l’incremento dei prezzi. La denuncia viene dalle associazioni dei fruitori.

Il Codacons, in particolar modo, sta presentando in questi giorni esposti in 104 procure italiane tra i quali quella di Viterbo e all’Antitrust nei quali chiede di aprire inchieste per verificare ‘se tale prassi iniziata dai produttori possa istituire fattispecie penalmente rilevanti, dalla frode alla pratica commerciale scorretta.

”In sostanza – spiegano dal Codacons – a il del prezzo rimane con esattezza lo stesso (in qualche caso aumenta seppur di poco) mentre la confezione del prodotto, sia esso un flacone di detersivo, una bottiglia di vino o una scatola di fazzoletti, un pacco di biscotti, e leggermente più piccola, o contiene qualche unità di prodotto in meno. Un trucchetto che consente enormi guadagni alle aziende produttrici ma di fatto svuota i carrelli e le tasche dei fruitori, realizzando una sorta di inflazione occulta”.

”I fruitori – continua il Codacons – tendono ad essere sempre sensibili al prezzo, ma potrebbero non notare piccoli cambiamenti nella confezione o non fare caso alle indicazioni, scritte in piccolo, sulle dimensioni o sul peso di un prodotto. Spesso, altresi, a una diminuzione del quantitativo di prodotto si associa un nuovo packaging e un restyling visivo così da rendere il tutto ancor più accattivante”.

Va sui casi specifici, invece, l’Unione nazionale fruitori, che parla di ”colombe pasquali da 750 grammi con confezione simile a quelle da 1 Kg” oppure delle mozzarelle da 100 grammi invece che da 125, il caffè da 225 al posto di quello da 250 grammi, la pasta non nei formati consolidati da 500 grammi e da 1 Kg, il tè con 20 bustine invece di 25.

Notizie Viterbo

Articoli simili