Notizie

Comunicare i cambiamenti sociali un master sul film making partecipativo



Una rivista da leggere e un libro da conservare.

L’Università degli Studi Internazionali di Roma, con il patrocinio di Fondazione Apulia Film Commission, Fondazione di Comunità di Messina, Fondazione Magna Grecia, Giffoni Experience, promuove il 1º master sul film-making partecipativo, come strumento per attuare, promuovere e comunicare i cambiamenti sociali attraverso processi partecipativi di comunità. Il master e rivolto a educatori e addetti sociali, addetti e tecnici della comunicazione, addetti culturali di enti privati e pubblici, mediatori culturali e facilitatori, docenti e formatori, film-maker e fotografi che vogliono acquisire una formazione interdisciplinare sul medium cinematografico utilizzato come strumento educativo e formativo di comunità. Il master vale 60 CFU e si svolge in forma blended learning sincrona in presenza a Roma e/o streaming. Iscrizioni aperte fino al 5 settembre 2022.

Il digital storytelling, negli ultimi decenni, e diventato uno strumento di intervento educativo del territorio in grado di attivare dinamiche partecipative e di animazione di comunità, nella consapevolezza che comunicare quanto si sta facendo diventa parte stessa dell’intervento e della realizzazione di un senso e di un progetto di comunità. L’azione comunicativa sui processi e sui prodotti attinenti a un progetto educativo e formativo in ambito sociale e dunque pensata come non distinta dall’azione sociale, poichè la comunicazione ne e parte integrante. Il film-making partecipativo può avere dunque una valenza educativa e formativa nella misura dove attiva e coinvolge persone, gruppi e comunità in un processo di auto-educazione, che mette al centro vissuti, esperienze e pratiche culturali di un contesto. Grazie al film-making partecipativo si può tracciare una traiettoria di senso condiviso dove si raccontano, re-immaginano e proiettano le storie individuali poichè storie di comunità e storie per la comunità.

Il master intende formare professionisti interdisciplinari dotati di una solida cornice teorica, metodologica e operativa che sappiano combinare, al contempo, competenze e capacità ascrivibili a diversi ambiti: quelli dell’educazione e della formazione, della facilitazione, del film-making partecipativo e dei media audiovisivi. Alla fine del percorso formativo sarà realizzato un prodotto audiovisivo su un caso di studio che i soggetti avranno modo di approfondire sia durante gli insegnamenti sia durante le azioni di laboratorio. Alla fine, verrà proposto ai soggetti un percorso formativo per la eventuale costituzione di una start-up sul tema oggetto del master.

Il master e curato dal direttore Salvatore Patera, professore associato di Didattica, Pedagogia speciale e Ricerca educativa nella Unint, e dal vicedirettore Fabrizio Minnella, giornalista e comunicatore, esperto in comunicazione e innovazione sociale, con il coordinamento didattico di Serafino Murri, insegnante di Linguaggio per l’audiovisivo alla Unint, e di Simona Rotondi, valutatrice di programmi comunitari, interventi educativi e formatrice in ambito sociale.

Il concorso del master e pubblicato sul portale della Unint.

Una rivista da leggere e un libro da conservare.

Scopri la newsletter di Vita.it


The post in italian is about:


L’article en italien concerne :

Articoli simili