Notizie

Coronavirus a Roma e nel Lazio oggi il comunicato in discesa 8 202 nuovi casi 17 decessi



Roma, 21 aprile 2022 – Curva in discesa. Nel Lazio dopo i diecimila casi di ieri, i nuovi contaggiati sono 8.202 (-2.479) individuati su 8.855 tamponi molecolari e 37.841 tamponi antigenici per un totale di 46.696 tamponi. I casi a Roma città sono a quota 4.272 contro i 4.926 del giorno 1ª (qui il comunicato del 20 aprile).

Sono 17 i morti (+3), 1.175 i ricoverati (+24), stabili le rianimazioni dove sono 69 gli ammalati Coronavirus ricoverati, per quanto riguarda il lato guaridi sono +3.924. Il rapporto tra positivi e tamponi e al 17,5% (16,6% ieri). 

Superata quota 13 milioni e 425 mila vaccini complessivi, superate le 3,96 milioni di dosi booster fatte, oltre l’82% di copertura con dosi booster della popolazione adulta. Nella fascia pediatrica 5-11 anni sono oltre 147 mila i bimbi con 1ª dose. 

Questa la faccenda dei contagi e dei decessi dettagliatamente dalle aziende sanitarie locali. Azienda sanitaria locale Roma 1: sono 1.693 i nuovi casi e 3 i morti nelle ultime venti quattro ore. Azienda sanitaria locale Roma 2: sono 1.495 i nuovi casi e 2 i morti. Azienda sanitaria locale Roma 3: sono 1.084 i nuovi casi e 2 i morti. Azienda sanitaria locale Roma 4: sono 476 i nuovi casi e 1 decesso. Azienda sanitaria locale Roma 5: sono 676 i nuovi casi e 2 i morti. Azienda sanitaria locale Roma 6: sono 770 i nuovi casi e 4 i morti.  

Nelle province si annotano 2.008 nuovi casi. Azienda sanitaria locale di Frosinone: sono 556 i nuovi casi e 0 i morti nelle ultime venti quattro ore. Azienda sanitaria locale di Latina: sono 828 i nuovi casi e 2 i morti. Azienda sanitaria locale di Rieti: sono 287 i nuovi casi e 0 i morti. Azienda sanitaria locale di Viterbo: sono 337 i nuovi casi e 1 decesso.

“Oggi e stata pubblicata in gazzetta formale l’opportunità di prescrivere gli antivirali dai dottori di medicina generale. E una richiesta che il Lazio ha sempre fatto e si tratta di una forte semplificazione”, così l’assessore alla Sanità di Regione Lazio Alessio D’Amato a margine di un avvenimento.
“I dottori li potranno prescrivere e i cittadini potranno ritirarli in farmacia. I soggetti interessati sono quelli che rientrano nelle caratteristiche individuate dal dicastero, soggetti fragili e nelle 72 ore. E un’arma in più che va utilizzata”, conclude D’Amato. 

“Il consiglio che noi diamo pure in questa fase, dove siamo, in un mese di festività nel quale i casi stanno incrementando e si sta più insieme, e quello portare sempre con sé dietro la mascherina e nei posti chiusi” aggiunge D’Amato. 
“Dove non c’e l’opportunità di garantire il giusto distanziamento metterla indipendentemente dalle raccomandazioni o dalle norme che verranno emanate. La mascherina e importante perché 1º presidio di protezione che andiamo”, va avanti.

“L’importante e avere buon senso andiamo verso una stagione di convivenza con il virus che sarà pure abbastanza lunga per cui in questa convivenza non potremo fare a meno delle regole che fino ad ora ci hanno assistito” ribadisce l’assessore. “Indipendentemente dalle raccomandazioni i cittadini sono saggi e sanno bene come comportarsi”, conclude D’Amato. 


The post in italian is about:


L’article en italien concerne :

Articoli simili