L'impatto di covid sui giochi legali, chi è in presenza crolla e l'allarme cresce sui canali illegali - Cronaca Italia24
Notizie Italia

L'impatto di covid sui giochi legali, chi è in presenza crolla e l'allarme cresce sui canali illegali – Cronaca

Crisi senza precedenti nella pandemia del settore del gioco legale, spina dorsale delle finanze del nostro Paese (11.400 milioni al fisco nel 2019 contro un reddito stimato di 6.700 milioni di euro nel 2020, con un calo del 41%). Dopo la chiusura dei punti fisici, secondo un’indagine della Luiss Business School, si è registrato un calo significativo della presenza del gioco (-41%). Prima dell’emergenza economico-sanitaria, l’industria del gioco legale, infatti, aveva un valore di spesa di 19.400 milioni di euro (dati 2019) che nel 2020 si era ridotto fino al 33%.

Parallelamente si registra un naturale aumento dell’utilizzo online ma anche di canali illegali . Per questi motivi Luiss Business School e Ipsos analizzeranno congiuntamente l’evoluzione del mondo del gioco legale con un progetto di ricerca sul settore del gioco d’azzardo (all’interno dell’osservatorio dei mercati regolamentati), con l’obiettivo di fornire supporto scientifico ai decisori pubblici. ai concessionari del gioco pubblico, agli operatori della filiera, agli attori della società civile, avvalendosi anche del supporto dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

Le prime stime dell’indagine fanno temere che l’aumento del mercato illegale possa aver coinvolto fino a 4 milioni di attori, non tutti pienamente consapevoli di questa scelta. “Per salvaguardare un mercato essenziale per la nostra economia, strumento per contrastare i fenomeni di evasione illegale e fiscale, è necessario aggiornare la disciplina del gioco legale, rendendola più funzionale a contrastare i potenziali rischi per gli utenti”, commenta Raffaele Oriani, professore di Finanza Aziendale dell’Università Luiss.