Cronaca

Assemblea ad Alessandria contro lo stoccaggio dei rifiuti nucleari, ma Trino li vuole

Sogin, Società dello Stato Italiano garante dello smantellamento degli edifici nucleari italiani e della gestione e messa in sicurezza delle scorie radioattive prodotti, ha reso pubblica la carta dei siti potenzialmente idonei a ospitare il deposito nazionale delle scorie radioattive italiani. I reclami dei comuni coinvolti arrivano in massa. Pure Appendino e Cirio hanno espresso il loo parere.

In Piemonte l’area più coinvolta è quella di Alessandria, dove è stata organizzata un’assemblea per il 15 gennaio.

Stiamo parlando di circa 78.000 m3 di rifiuti radioattivi a bassa attività la cui radioattività decadrà nell’arco di 300 anni e di 17.000 m3 di rifiuti radioattivi ad alta attività la cui radioattività decadrà dopo 100.000 anni. Con questa scelta il Governo italiano ha deciso di imboccare la strada profondamente sbagliata dell’individuazione di un unico sito da trasformare nella pattumiera delle scorie radioattive italiani.

Una scelta folle che farebbe dell’Italia l’unico paese al mondo che decide la gestione combinata dei rifiuti ad alta e bassa intensità.

Una scelta folle considerato che si tratterebbe comunque di una scelta temporanea e che i rifiuti radioattivi ad alta attività dovranno essere nuovamente ricollocati in altro sito idoneo.

Sarebbe stato di gran lunga preferibile decidere di percorrere la strada della definitiva e completa messa in sicurezz

Approfondisci
L’articolo intitolato: Assemblea ad Alessandria contro lo stoccaggio dei rifiuti nucleari, ma Trino li vuole – Quotidiano Piemontese è stato inserito il 2021-01-06 19:18:27 dal sito online (quotidianopiemontese.)