Cultura

Stop ai Panevin ma non alle tradizioni: le origini della befana. Falò e dolci tipici prendono vita con Unpli Veneto

Per molti abitanti dell’Alta Marca Trevigiana l’Epifania è sinonimo di Panevin. Il rito propiziatorio di accendere questi falò nasce nell’epoca pre-cristiana e prende il nome da due alimenti comuni nella nostra regione, il pane e il vino, simboli nelle usanze popolari di abbondanza e prosperità.

Nell’anno caratterizzato dal Covid-19, per evitare il diffondersi dei contagi, tutte queste celebrazioni sono state annullate.

Unpli Veneto non si è arresa a questo stop e, attraverso la pagina Facebook “Veneto Spettacoli di Mistero” con la collaborazione di Roberto Popi Frison, ha voluto idealmente continuare questa tradizione secolare in un viaggio virtuale attraverso le origini, i cambiamenti nel corso degli anni e i dolci dell’Epifania.

In una serata ricca di invitati collegati da tutta la regione, il primo a parlare è stato il professor Antonio Paolillo, direttore del museo di Crocetta del Montello “La Terra e l’Uomo”, che ha spiegato l’origine della figura della befana posta nella cima dei falò.

“La befana deriva dalla Preistoria – spiega il professore – Un giorno ero con un amico al museo e stavamo guardando il “Piatto di Montebelluna” quando abbiamo notato che l’immagine che rappresentava la dea Reizia era una persona di sesso femminile con il naso aquilino,

 » Read More