Notizie

Empathy School Project all’ I.C. “Canevari” di Viterbo e al “Pio Fedi” di Vitorchiano

“Empathy School Project, la ricerca sperimentale che si sta svolgendo in due scuole del viterbese sui cambiamenti psicobiologici finalizzati a produrre benessere attraverso un programma di Educazione Emotiva svolto nelle classi, sta andando avanti speditamente. A breve difatti alcuni soggetti dei laboratori studenti universitari provvederanno al secondo ritiro dei campioni salivari nei bimbi del gruppo sperimentale e del gruppo di controllo.

Lo studio sperimentale e condotto dal centro di ricerca ETC (Emotional Training Center) di Viterbo della dott.ssa Rosanna Schiralli insieme con l’Università de L’Aquila, l’Università “Federico II” di Napoli, l’Ateneo “S. Raffaele” di Milano e la società di Neuropsicoendocrinoimmunologia SIPNEI di Roma e mira ad assodare la correlazione tra l’educazione emozionale ed eventuali modificazioni a livello psicobiologico in soggetti in età evolutiva.

Le scuole campione sono l’Istituto Comprensivo “Silvio Canevari” di Viterbo, diretto dalla dott.ssa Stefania Geremicca e la Scuola Primaria I.C. “Pio Fedi” di Vitorchiano, diretto dalla dott.ssa Gianna Diana.

E di questi giorni, altresi, la notizia che in Parlamento e stata approvata all’unanimità la legge sull’introduzione dell’ora di Educazione Emotiva in tutte le scuole, una legge presentata dalla senatrice Alessandra Maiorino e dall’onorevole Vittoria Casa insieme, in fase di attuazione, con la dott.ssa Schiralli e il dott. Ulisse Mariani.

La legge e stata approvata dopo un intenso lavoro tra gli psicologi di Viterbo e le preposte Commissioni di Camera e Senato durato quasi due anni.

La senatrice Maiorino (gia insegnante di lettere in Italia, Germania e Qatar) e l’onorevole Casa (gia dirigente scolastica a Palermo) hanno mostrato molto interesse alla sperimentazione viterbese, chiedendo un incontro per conoscere i particolari della ricerca e per avvalorare la circolazione dell’Educazione Emotiva nel Paese visti i risultati.

Nello stesso tempo Schiralli e Mariani sono stati invitati a far parte, come esperti, del gruppo delegato alla circolazione dell’Educazione Emotiva in Italia in base alla nuova normativa e della Commissione per le Politiche di Genere e Diritti Civili coordinata dall’ex sindaca di Torino, Chiara Appendino.

La ricerca e stata probabile al sostegno economico di una cordata di imprenditori italiani parecchio sensibili ai problemi dell’educazione: l’imprenditore marchigiano Gian Vincenzo Clerici, imprenditore marchigiano, Caffè Antoniazzi di Vicenza, Prenatal di Viterbo e Dimar Group SpA di Valentano.

Considerati gli alti costi della ricerca, senza il loro contributo questa avventura non sarebbe stata veramente probabile.”