Notizie Roma

Ex Vaccheria: prende forma il museo che narra la storia del territorio del Municipio IX – UrloWeb – Notizie da Roma

#Vaccheria #prende #forma #museo #racconta #storia #territorio #Municipio #UrloWeb #Notizie #Roma

Tratto da Urlo n.200 aprile 2022

EUR – Vogliamo dare ai cittadini un museo in grado di raccontare in un unico percorso tradizioni, usi e costumi del IX municipio, da una parte con i reperti archeologici, dall’altra con la narrazione delle origini delle singole aree del territorio. La finalità e realizzare la finalità sognato nel corso degli anni Settanta e Ottanta del Novecento dallo storico dell’arte e primo cittadino di Roma Giulio Carlo Argan che concepiva il museo come una struttura in grado di attivare sul territorio un’intensa attività culturale. Con queste parole la Presidente del IX municipio Titti Di Salvo intende rilanciare la progettazione perché e importante valorizzare un territorio ricco allo stesso tempo di antiche vestigia e riassumere in un disegno unitario le variegate e originali storie che caratterizzano i quartieri, la comunità Giuliano Dalmata, Spinaceto con la sua toponomastica fortemente legata alla Resistenza e agli eroismi nel periodo di guerra, Castel di Leva che e nata dalle occupazioni dei terreni da parte dei contadini marchigiani.

LA REALIZZAZIONE DEL MUSEO

L’opera era prevista da una convenzione pianificazione urbana stipulata in presenza del costruttore dell’opera – ha precisato Di Salvo – in quella sede si stabilì cosa doveva fare il costruttore per la comunità e ormai da più di 10 anni i lavori sono stati realizzati dall’impresa di Luca Parnasi. L’ultimo intervento e stato 3 anni fa, al momento l’immobile e pronto per accogliere i reperti, ma deve essere incluso al patrimonio del Comune. Il museo ritorna nelle opere di urbanizzazione secondaria disciplinate dalla legge 29 settembre 1964, n. 847, che autorizza i Comuni e i loro Consorzi a contrarre mutui per l’acquisto delle aree ai sensi della legge 18 aprile 1962, n. 167, che contiene le disposizioni per promuovere l’acquisto di aree fabbricabili per l’edilizia economica e popolare. In base a queste norme sono state inserite tra le opere secondarie obbligatorie pure le attrezzature culturali e sanitarie e le aree verdi di quartiere. Il fondo bancario proprietario dell’ex vaccheria ha completato i lavori e si dice pronto a rilasciare l’immobile che deve essere conseguito da Roma Capitale.

I PROSSIMI PASSI

In qualità di presidente del Municipio e mia intenzione convocare tutte le parti interessate – ha proseguito Di Salvo – a iniziare dalla Sovrintendenza capitolina e dalla Soprintendenza speciale, di seguito con il Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbana (PAU) e il Dipartimento Patrimonio di Roma Capitale. Il progetto arriva il giorno dopo di una ispezione a via Giovanni L’Eltore, dove si trova l’ex Vaccheria, molto vicino dal centro commerciale Euroma2. Qui si estendono i 1.500 metri quadri della struttura con teche e un magazzino per reperti, un punto ristoro e un’ampia sala che può essere destinata a incontri culturali e conferenze. Finché il Dipartimento di Programmazione e Attuazione Pianificazione urbana di Roma Capitale non prenderà fisicamente le chiavi dell’edificio, non si potrà fare nulla, ad ogni modo il IX Municipio e disponibile a riceverlo subito dopo – ha ribadito Di Salvo – per poi destinarlo come previsto dalla convenzione pianificazione urbana. Il luogo si e ben conservato durante gli anni e non ha subito atti di vandalismo pure grazie al fatto che l’onere della sorveglianza era in carico alla società costruttrice. L’auspicio generale e che al più presto il museo possa svolgere il suo ruolo culturale, tra i quali quello di esporre i reperti degli scavi presenti sul territorio municipale, rendendoli fruibili per i cittadini e ricostruendo e contestualizzando funzione e provenienza degli oggetti nella parte interna del percorso espositivo.

Andrea Ugolini

Notizie Roma

Articoli simili