Notizie Frosinone

Frosinone, Amministrative, grandi manovre e polemiche: inizia la fase cruciale

#Frosinone #Amministrative #grandi #manovre #polemiche #inizia #fase #cruciale

Tutti al lavoro per la composizione delle liste, ma intanto cominciano a pure i temi della campagna elettorale. Stiamo entrando in una fase cruciale, considerando che si avvicina il termine ultimo per la presentazione delle liste: il 14 maggio.

La scelta di Demos
Nei giorni passati il coordinamento provinciale di Demos si e riunito alla presenza del consigliere regionale Paolo Ciani. All’ordine del giorno i temi legati all’imminente tornata elettorale. Il punto centrale era illustrato dalla decisione finale sulla collocazione dei concorrenti di Demos in una delle liste della coalizione di centrosinistra che sostiene Domenico Marzi. Si legge in un comunicato: «Scelta che si e fatta chiara e finale nel momento dove Michele Marini ha ufficializzato la sua partecipazione alla competizione elettorale». Luigi Maccaro, coordinatore provinciale di Demos, rileva: «A Marini ci unisce una comune appartenenza storica, mi riferisco all’impegno cristiano-sociale nella società e nella politica. Ma oltretutto di Michele Marini abbiamo apprezzato il grande impegno come assessore e poi come primo cittadino in favore delle persone più fragili. Un impegno segnato da passione, esperienza, sensibilità non comuni. Per questo i concorrenti di Demos troveranno posto nella lista di Michele Marini». Maria Grazia Baldanzi, coordinatrice cittadina di Demos, conferma: «Sono certa che con l’aiuto di Michele Marini e con il nostro impegno al suo fianco, l’Amministrazione Marzi restituirà alla città di Frosinone quel valore sociale che da l’impressione di essere smarrito da eccessivamente tempo». Confronto tra Paolo Ciani e Michele Marini, pure con Domenico Marzi.

Piacentini non molla
Adriano Piacentini, presidente del consiglio comunale di Frosinone e dirigente di Forza Italia (e uno dei 3 subcommissari provinciali del partito), ritorna sul tema delle scelte fatte da liste che hanno appogiato l’Amministrazione Ottaviani in questi 10 anni. E che al momento invece hanno stabilito di collocarsi nel Campo Largo in appoggio a Domenico Marzi. Una decisione ufficializzata dal Polo Civico per esempio. Rileva Piacentini: «Credo che alla fine saranno gli elettori a dire come la pensano. Ripeto: sono rimasto deluso perché la condivisione politica e amministrativa in 10 anni e stata totale. Non comprendo a quali diverse convergenze programmatiche si possa fare riferimento». Aggiunge Adriano Piacentini: «C’e però pure un discorso di governo del territorio che va affrontato. L’Amministrazione Ottaviani, supportata dalla coalizione di centrodestra, ha cambiato con l’intenzione di Frosinone e questo e sotto gli occhi di tutto. Ora dobbiamo porci pure l’obiettivo di voltare pagina su altre tematiche. Quanto accaduto per la questione della Catalent e emblematico: una importante azienda di quel livello ha stabilito di spostare nel Regno Unito un investimento di 100 milioni di $ (USA dollars) per ritardi e lentezze nel rilascio di autorizzazioni richieste. Non so se ci rendiamo conto della serietà di questa cosa. Il centrosinistra parla spesso di filiera virtuosa. Dove sta? In materia di autorizzazioni ambientali la Provincia di Frosinone continua a non dare risposte alle società. Il Consorzio industriale (al momento regionale) non ha illustrato alcun tipo di valore aggiunto per questo territorio. Una riflessione politica va fatta e . La lentezza delle lungaggini burocratiche e l’incapacità di dare risposte alle aziende del territorio sono temi che andavano affrontati e risolti. Mi chiedo perché il Consorzio industriale non l’abbia fatto. Ma sarebbe interessante sapere pure cosa pensa di tutto questo la Regione Lazio, al di là delle prese di posizione dovute che lasciano veramente il tempo che trovano. Oltre naturalmente al Dicastero della transizione ecologica. Parliamo di una filiera di governo guidata da esponenti che fanno parte sotto il profilo politico di quel Campo Largo che si presenta a Frosinone con l’ambizione di amministrare la città. Il centrodestra ha comprovato con gli episodi cosa significa governare un capoluogo. Dobbiamo far emergere le differenze».

La riunione di Vicano
Ieri pomeriggio confronto del candidato primo cittadino Mauro Vicano con i referenti delle liste che lo sosterranno. Parliamo di Azione (rappresentata da Alessandra Sardellitti) e da due civiche. Il giorno della presentazione formale e stato spostato: non il 27 ma il 28 aprile. Cambia poco, ma e chiaro che Mauro Vicano sta definendo la questione delle candidature al consiglio del comune. Ha dichiarato nuovamente che non intende “accontentarsi” di poter essere eventualmente decisivo al ballottaggio, ma che al secondo turno intende arrivare lui.

Notizie Frosinone

Articoli simili