Gli esperti mettono in guardia contro l'apertura troppo rapida. © APA / HARALD SCHNEIDER Microbiologo ... Italia24
Notizie Austria

Gli esperti mettono in guardia contro l'apertura troppo rapida. © APA / HARALD SCHNEIDER Microbiologo …

Gli esperti avvertono di non aprire troppo rapidamente. © APA / HARALD SCHNEIDER Microbiologo …

Gli esperti mettono in guardia contro l'apertura troppo rapida. © APA / HARALD SCHNEIDER

Il microbiologo Michael Wagner dell'Università di Vienna è preoccupato per le aperture di blocco. L'esperto considera positivo il test obbligatorio a scuola, ma verrà comunque mostrato quanto bene riconoscono le persone malate asintomatiche.

Con le fasi di apertura nelle scuole o nei punti vendita annunciate per lunedì, si corre un “rischio elevato” in vista della distribuzione poco chiara delle varianti SARS-CoV-2 più contagiose, ha affermato in un'intervista il microbiologo Michael Wagner dell'Università di Vienna con l'APA. Il promotore dello studio di monitoraggio SARS-CoV-2 nelle scuole considera positivo il “test obbligatorio” previsto. Il grado di efficacia dei “test delle frese nasali” utilizzati per identificare le persone infette in modo asintomatico è discutibile.

“Probabilmente i numeri aumenteranno di nuovo”

La stabilizzazione del numero di casi ottenuta con il blocco precedente è una faccia della medaglia. Con questo processo di infezione in corso, è “molto probabile che il numero aumenti di nuovo” quando vengono impostati i passaggi di apertura. A causa della maggiore infettività delle varianti virali, questo aumento potrebbe anche avvenire abbastanza rapidamente, secondo la valutazione di Wagner: “La questione è se le misure aggiuntive adottate siano sufficienti a compensare questa accelerazione”. La situazione di tensione in Portogallo mostra quanto velocemente questo possa accadere a volte.

Da un punto di vista puramente epidemiologico, sarebbe stato meglio per il microbiologo se l'obiettivo prefissato di un'incidenza a 7 giorni di circa 50 fosse stato raggiunto prima dell'inizio delle aperture. Tuttavia, con la situazione economica e psicologica, ci sono anche altri argomenti molto chiari e comprensibili. “Ma non posso valutarlo epidemiologicamente”, ha sottolineato Wagner.

Test Corona per scolari “molto buono”

Lo scienziato considera fondamentalmente “molto buono” l'obbligo ampio e regolare di testare la partecipazione all'insegnamento faccia a faccia nelle scuole. Al momento non è possibile rispondere a quanto siano efficaci i metodi utilizzati per rintracciare le persone infette asintomatiche. Wagner: “Penso che dovrebbe davvero essere richiesto”. L'accuratezza di questa procedura è stata ampiamente verificata sulla base di pazienti sintomatici: “questa è una grande differenza”, afferma il biologo molecolare.

Vede il rischio che a volte questi test trascurino anche bambini e adolescenti infettivi. Alla luce di questa domanda, si dovrebbe anche considerare quale segnale viene inviato ai genitori, ad esempio, se il loro bambino è risultato negativo a scuola e le persone pensano che possa essere in un falso senso di sicurezza. Tuttavia, una tale strategia “ha senso se usata regolarmente”, ha sottolineato Wagner, che sottolinea soprattutto una minimizzazione del rischio complessivo nel settore scolastico.

Infezioni in le scuole riflettono la popolazione generale

Nessuna dichiarazione può essere fatta in questo modo circa l'insorgenza della malattia nelle scuole. Ciò consente lo “studio del gorgoglio”, che utilizza i test del gorgoglio nelle scuole elementari, secondarie e livelli inferiori di AHS per raccogliere collettivamente dati sulla frequenza delle infezioni corona attive tra studenti e insegnanti in tutta l'Austria durante l'anno scolastico. Nel primo ciclo di test (entro la fine di ottobre), 40 degli oltre 10.000 partecipanti erano positivi al Covid-19 (prevalenza: 0,39%). Nel secondo round, rallentato dal blocco (fino a metà novembre), gli scienziati hanno calcolato una prevalenza dell'1,44%.

Secondo il sondaggio quasi simultaneo di Statistics Austria, questo era all'incirca nell'ordine di grandezza della popolazione nel suo insieme. Dopo un rinvio da parte del Ministero dell'Istruzione, la terza serie di test non partirà fino all'8 marzo. Soprattutto, per scoprire con quanta forza circolano le varianti virali nelle scuole, è necessario proseguire lo studio, in cui tale analisi sarebbe da ora fornita, afferma Wagner.

Trigger nelle scuole elementari per lo più insegnanti

In un “Policy Brief” del Complexity Science Hub (CSH) e dell'Agenzia per la salute e la sicurezza alimentare (AGES), un'analisi per gruppi mostra che finora si sono verificati anche un aumento dei casi nelle scuole elementari. Tuttavia, questo era meno comune che nelle scuole per bambini più grandi. Il fattore scatenante per le trasmissioni alle scuole primarie è quindi solitamente un insegnante. Mentre oltre il 90% dei gruppi di insegnanti ha iniziato nelle scuole elementari, questa percentuale era di poco inferiore al 20% nei gruppi di livello superiore. Questo documento ha contribuito alla decisione di riaprire le scuole, ha affermato il ministro dell'Istruzione Heinz Faßmann (ÖVP) in una conferenza stampa martedì.

Wagner ha aggiunto all'incontro che il gruppo di bambini e adolescenti in particolare probabilmente non verrà vaccinato per molto tempo. Ciò a sua volta significa che anche se il tasso di infezione complessivo è inferiore, il virus SARS-CoV-2 potrebbe circolare lì più a lungo, il che potrebbe giocare nelle mani di qualsiasi variante del virus. Pertanto, il “monitoraggio delle varianti virali” nelle scuole è decisamente cruciale nel medio termine, ha affermato Wagner.

(APA / rosso)

]]>