Notizie

No green pass licenziato Stefano Puzzer Orgoglioso di cio che abbiamo fatto noi siamo puri



Stefano Puzzer licenziato «per giusta causa» dall’Agenzia per il lavoro portuale. Il responsabile sindacale dei portuali di Trieste, che nella propria città e a Roma aveva organizzato certune manifestazioni no green pass, ha comunicato in 1ª persona la multa inflittagli: «Mi batterò con tutte le forze contro la decisione dell’azienda».

 

Leggi pure > Omicron, cosa sappiamo di reinfezioni e sottovarianti. L’Iss: «Non sono più contagiose o più aggressive»

 

«Sono orgoglioso di quello che ho fatto, son orgoglioso di quello che hanno fatto i miei colleghi, e che hanno fatto i cittadini delle svariate aziende» e «sono orgoglioso di quello che hanno fatto i cittadini italiani che sono venuti al Porto di Trieste da tutta Italia». E il commento di Stefano Puzzer al licenziamento, come ha indicato in un lungo video postato stamattina.
Secondo il responsabile della contestazione, la decisione dell’azienda «e conseguenza del fatto che noi siamo puri, che crediamo nei nostri diritti e che non ci piegheremo mai a questo sistema marcio. L’importante e non essere mai in debito con nessuno e non poter essere preso per i c… e ricattati in nessuna maniera. A Trieste lottiamo da 6 anni contro il sistema. Avevamo creato un sindacato autonomo che vogliono distruggere unitamente a me, 1ª per distruggere me poi per distruggere qualsiasi sorta di forza che vada a lottare contro il sistema».


The post in italian is about:
No Green pass, Stefano Puzzer fired by the dockers. But he doesn't give up: "Proud of what I've done"


L’article en italien concerne :
Pas de passe verte, Stefano Puzzer viré par les dockers. Mais il ne baisse pas les bras : "Fier de ce que j'ai fait"

Articoli simili