I vaccini non aumenteranno per sempre il Cile: Market Chat Italia24
Notizie Spagna

I vaccini non aumenteranno per sempre il Cile: Market Chat

I vaccini non alimenteranno il Cile per sempre: Market Chat

(Bloomberg) – Spinto da una rapida campagna di vaccinazione e da prezzi più alti del rame, dal mese di novembre, cileno le azioni hanno sovraperformato tutti i principali indici del continente, sia in valuta locale che in dollari.

La maggior parte degli investitori stranieri è rimasta abbagliata dall’introduzione di vaccini, e sebbene gli strateghi del mercato locale riconoscano avanzamenti nella vaccinazione, stanno anche adottando un atteggiamento più neutrale nei confronti del mercato azionario considerando che il complesso scenario politico potrebbe tornare ad assumere rilevanza.

Questo è il parere dei partecipanti al primo “Market Chat” organizzato da Bloomberg News in Cile. Gli ospiti erano:

Klaus Kaempfe, direttore di Portfolio Solutions presso Credicorp Capital Hugo Osorio, vicedirettore della strategia di investimento di Falcom Asset Management María Luz Muñoz, direttore e stratega di Nevasa

Il consenso è che il lancio del vaccino ha sostenuto il mercato azionario quest’anno. “Quando la vaccinazione ha iniziato a svilupparsi così rapidamente e con successo, il mondo intero si è rivolto al mercato locale”, ha detto Muñoz.

In Cile, il mercato azionario ha toccato il fondo in ottobre dopo il plebiscito una nuova Costituzione, e da allora gli investitori hanno assunto posizioni forti nelle azioni locali e globali. L’indice di riferimento S&P IPSA ha guadagnato il 38% in termini di peso dal minimo di 52 settimane raggiunto il 3 novembre. In dollari, questo rally è del 46%.

Ci sono ancora alcune opportunità in alcuni titoli locali eccessivamente puniti, come le banche mentre i progetti infrastrutturali andranno a beneficio dei settori dei materiali e dell’industria, ha detto Muñoz. “Le quarantene possono colpire il mercato locale e alcuni asset reagiscono tatticamente, ma poi tornano al loro trend più a lungo termine, il che è positivo”, ha detto.

Anche la pandemia è aumentata l’attrattiva di asset alternativi come immobili e debito privato, soprattutto considerando i bassi rendimenti del mercato del reddito fisso, ha affermato Osorio.

Quando si tratta di investire denaro all’estero, gli investitori strateghi hanno favorito Azioni statunitensi su quelle europee, dato il complicato processo di vaccinazione e la lenta ripresa economica di quella regione, anche se potrebbe riprendersi nella seconda metà dell’anno.

Sfide politiche

Gli ospiti hanno anche convenuto che l’elezione di una Convenzione Costituente e la stesura di una nuova Costituzione attireranno più l’attenzione degli investitori nei prossimi mesi. “Purtroppo, il mercato locale ha diversi fattori aggiuntivi oltre ai vaccini, come quello politico, che è rimasto come secondo schermo, ma sta per riattivarsi”, ha detto Osorio.

Incertezza Anche per quanto riguarda il contenuto di una nuova Costituzione e una perdita di slancio per l’indice di riferimento S&P, l’indice azionario IPSA ha giocato un ruolo nella decisione di Osorio di diventare più neutrale sulle azioni. Kaempfe è diventata neutrale anche sul mercato locale non appena un nuovo ciclo di blocchi ha cominciato a suonare più forte.

Pensionamento

Nel reddito fisso locale, gli ospiti hanno convenuto che le obbligazioni societarie con rating più elevato con scadenze più brevi sono più attraenti, ma evitando le obbligazioni delle banche locali, che hanno un prezzo troppo alto. Il debito a lungo termine, con scadenze superiori a 10 anni, è stato colpito dall’incertezza su un nuovo ciclo di prelievi di risparmi pensionistici, che allontana i fondi da pensioni e assicurazioni aziende, acquirenti naturali di quel tratto di curva.

“Oggi la curva cilena, sia in pesos che in UF, non ha nulla di valore da 0 a 10 anni “, ha detto Kaempfe. Potrebbe esserci un’opportunità al di sopra di tale scadenza, considerando il forte rialzo all’estremità lunga della curva.

A livello globale, le opportunità possono essere trovate nel debito high yield latinoamericano, hanno detto gli ospiti.

Bonus Track: Brasile

C’è stato meno consenso quando si parla di Brasile, l’economia più grande in America Latina , con Osorio e Muñoz incerti su quando e come il Paese potrebbe avere una chiara uscita dal caos attuale causato dalla pandemia.

“Siamo convinti che da qui a Alla fine del l’anno, la stessa percezione che il mondo ha del Cile, l’avranno del Brasile ”, ha detto Kaempfe. La vaccinazione aumenterà più tardi in 2021, e mentre il mercato cileno ha già scontato una rapida inoculazione locale, le attività in Brasile non lo hanno ancora fatto. “Il Brasile è molto punito”, ha detto.

Il presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, non ha alcun controllo sulla pandemia e la situazione nel Paese non sembra una coincidenza, secondo Osorio. “Il Brasile può essere un terreno fertile per i ceppi e persino generare alcuni