Il vertice dell'UE fatica a trovare un corso nella politica di difesa Italia24
Notizie Austria

Il vertice dell'UE fatica a trovare un corso nella politica di difesa

Lotte al vertice dell’UE per la politica di difesa

26. 02. 2021 13. 25

Online da oggi, 13. 25 orologio

Gli Stati lottando per determinare il corso futuro per una politica di sicurezza e difesa comune. In un video vertice dei capi di Stato e di governo di oggi, è stata nuovamente sollevata la questione di quanto l’Unione europea debba emanciparsi dagli Stati Uniti in quest’area.

Il segretario generale della NATO Jens ha annunciato in anticipo Stoltenberg per aver lavorato a stretto contatto con l’alleanza. Il cancelliere federale Sebastian Kurz (ÖVP) ha sottolineato la lotta al terrorismo.

L’UE deve “assumersi maggiori responsabilità per la sua sicurezza” ed espandere le sue possibilità di “agire in modo autonomo”, ha dichiarato lo Stato – e capi di governo dopo le deliberazioni. Allo stesso tempo, l’Unione vuole continuare a “cooperare strettamente con la NATO”. “Sono convinto che partenariati forti richiedano partner forti”, ha affermato il presidente del Consiglio dell’UE Charles Michel in merito ai colloqui più importanti.

“Mix di misure nazionali ed europee”

Per l’Austria come paese neutrale, la cooperazione multilaterale con l’ONU e l’OSCE è particolarmente importante, così come con la NATO come parte del Partenariato per la Pace, ha affermato Kurz . “Questo vale soprattutto per le missioni di mantenimento della pace e le missioni di osservazione come quelle dell’OSCE nell’Ucraina orientale, dove l’Austria sta dando il suo contributo”. Lotta al terrorismo islamista e “l’ideologia che c’è dietro, l’Islam politico”. “Facciamo affidamento su un mix di misure nazionali ed europee, in particolare per quanto riguarda i combattenti terroristi stranieri.”

Completa autonomia?

A parte la portata della cooperazione con la NATO, è controverso quanto forte debba diventare l’UE in materia militare. La Francia vuole l’obiettivo di essere in grado di agire in modo completamente indipendente a lungo termine, soprattutto sullo sfondo delle brutte esperienze che sono state fatte l’ultima volta durante il mandato del presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Paesi come la Germania, d’altra parte, teme che l’UE possa creare problemi nei rapporti con gli USA con un simile requisito. Inoltre, si sostiene che l’UE non sarà comunque in grado di raggiungere la piena autonomia nel prossimo futuro.

Uno dei motivi è la spesa relativamente bassa degli europei per gli armamenti. e difesa. Un altro ostacolo è il ruolo speciale degli stati non allineati e neutrali come l’Austria.