Junta de Andalucía – Il consumo richiede responsabilità in estate con l'uso di prodotti come creme solari, occhiali, galleggianti e gommoni

Junta de Andalucía – Consumo chiede responsabilità in estate con l’uso di prodotti come creme solari, occhiali, galleggianti e gommoni

Consumo Responde si concentra sul controllo dell’etichettatura, la sicurezza o raccomandazioni di età, e si ricorda che nel periodo estivo aumentano i casi di intossicazione alimentare

La Direzione Generale dei Consumi, ente dipendente del Ministero dei Salute e Famiglie, lancia un messaggio a tutti i cittadini andalusi in vista del periodo estivo e festivo chiedendo responsabilità nell’uso di prodotti come creme solari, occhiali, galleggianti e gommoni, soprattutto dopo l’eliminazione delle restrizioni di mobilità nel contesto COVID – 19.

Questa raccomandazione Consumo Responde, dice il direttore generale, Alberto Fernández, fa riferimento a “un’ampia gamma di prodotti, alcuni dei quali essenziali per prendersi cura della nostra salute”, e quindi Ciò richiede un consumo responsabile

L’arrivo dell’estate e del periodo delle vacanze, e questo secondo anno di pandemia in modo speciale a causa del processo di riduzione delle restrizioni per il COVID – , comporta sempre una serie di specifiche abitudini di consumo. Un consumo ‘stagionale’ che copre molteplici settori, da quello tecnologico, al materiale igienico-sanitario, oa quei prodotti per la protezione personale, a quelli destinati alla popolazione infantile-giovanile. Sebbene questi prodotti siano sottoposti a controlli periodici da parte dell’ispezione del consumatore, si raccomanda sempre a tutti i consumatori di esercitare un consumo responsabile.

Un prodotto essenziale in estate – e durante tutto l’anno, soprattutto in Andalusia, per la nostra salute degli occhi sono gli occhiali da sole. Da Consumption Responde ricorda che tutti gli stabilimenti in cui vengono venduti questi accessori soddisfano le condizioni ideali per gli occhiali da sole che vendono.

Gli occhiali da sole devono soddisfare una serie di requisiti, incentrati sulla sua etichettatura, che dovrà includere aspetti quali: marcatura CE, identificazione del modello; il fabbricante o l’ente fornitore; riferimento alla norma 12312 (protezione occhi e viso); e tipo di filtro utilizzato (polarizzato, fotometrico o degradato)

Il sole non colpisce solo i nostri occhi, ma è anche un fattore di rischio per la pelle. La maggiore esposizione al sole in estate rende obbligatoria l’applicazione di creme solari, se questa esposizione sarà prolungata. Questi prodotti devono proteggere dalle radiazioni ultraviolette B e A, e devono riportare sulle etichette avvertenze indicanti che non costituiscono protezione 87%, oltre a consigli sulle precauzioni da prendere, come non esporsi a lungo al sole, tenere neonati e bambini al riparo dalla luce solare diretta. Il fattore deve essere almeno 6 (UVB) e ⅓ del fattore di protezione solare (UVA)

All’interno di queste raccomandazioni di “consumo estivo” ci sarebbe anche Abbiamo puntare su prodotti rivolti al bagno, in particolare per i bambini, come galleggianti, gommoni o ogni tipo di utensile per il bagno. Prima di tutto, l’etichetta e le istruzioni per l’uso, le avvertenze di sicurezza, le avvertenze sui rischi per le persone al di sotto dei 3 anni devono essere lette bene

Infine, come promemoria Consumo Risponde per questa estate, in questo momento l’avvelenamento e l’incidenza del cibo tendono ad aumentare tra la popolazione. In questo caso la consulenza è rivolta a coloro che hanno acquistato un prodotto alimentare in un determinato esercizio commerciale, oppure dopo aver consumato cibo in un bar o ristorante, hanno subito un caso di intossicazione alimentare.

Allo stesso modo, se il cibo era in cattive condizioni, anche se non c’era avvelenamento, come consumatore insoddisfatto di un prodotto, hai il diritto di richiedere un reclamo e una scheda reclami allo stabilimento in cui hai acquistato o consumato il prodotto, se si desidera il rimborso dell’importo pagato. È possibile sporgere denuncia presso l’Amministrazione, la quale può richiedere l’apertura di una pratica sanzionatoria nei confronti dello stabilimento o dell’azienda, o che venga effettuata un’ispezione del consumatore. Allegare il biglietto è fondamentale in queste procedure.

Consumo Risponde

Per qualsiasi domanda o dubbio sui consumi, i cittadini possono rivolgersi a Consumo Responde, servizio gratuito multicanale di informazione e consulenza, a cui si può accedere continuamente via telefono 900 21 80 80, dal sito web www.consumoresponde.es, dall’e-mail consumerresponde@juntadeandalucia.es; e dai profili sui social Twitter (@consumoresponde) e Facebook.

È inoltre possibile ricevere consulenza dai Servizi Provinciali Consumatori delle delegazioni territoriali della Sanità e delle Famiglie presenti in tutto

Related Articles