La rivolta da Zara: “Noi 300 facchini un massacro di fatica che vale pochi euro”

26

La Repubblica di Roma dà conto della protesta dei facchini, in particolare quelli impiegati nei grandi magazzini Zara. Sono 300, quasi tutti stranieri: egiziani, eritrei, pakistani, inseriti in cooperative riconducibili al gruppo Faro, che a Roma gestisce in appalto la logistica dei quattro punti vendita della nota catena spagnola. Il motivo della protesta è riassunto…
Leggi anche altri post Regione Lazio o leggi originale
La rivolta da Zara: “Noi 300 facchini un massacro di fatica che vale pochi euro”  
(riconducibili,gruppo,faro,cooperative,inseriti,egiziani,eritrei)


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer