L'Alt Empordà chiede un piano per ordinare i 7 parchi eolici e 10 fotovoltaici in lavorazione Italia24
Notizie Spagna

L'Alt Empordà chiede un piano per ordinare i 7 parchi eolici e 10 fotovoltaici in lavorazione

L’Alt Empordà richiede un piano per ordinare i 7 parchi eolici i 10 fotovoltaico in lavorazione

Il parc eòlic darrer che smantellerà Fa uns anys, il Pení.

Il Consiglio Regionale dell’Alt Empordà ha realizzato un Consiglio delle Alcaldie per presentare la mozione che è stata redatta in modo consensuale, e che esprime la volontà de l’Alt. la contea sta contribuendo ad un ordinato dispiegamento di energie rinnovabili nel territorio dei progetti disastrati in corso. Considera che è un rischio per il turismo a causa dell’impatto che possono generare nel Paese.

Richiedere alla Generalitat un piano urbanistico e una moratòria de llicències.

Il consigliere regionale delegat de l ‘Agència Comarcal d’Energia i Clima, Agustí Badosa, spiega che la regione «tenim 17 progetti che sono stati inviati e si trovano in uno stato di elaborazione diverso. “

«In qualche modo avui volem presenta un movimento che richiamare le preoccupazioni e le preoccupazioni dei comuni della regione »ha detto Badosa .

Il testo della mozione proposta èmfasi nel feto che la Generalitat non dispone di un modello cap per lo spiegamento di parchi solari fotovoltaici o eolici , né è il capitolo del direttore che regola l’inserimento di progetti infrastrutturali e piani urbanistici nella maggior parte dei comuni della regione, né disciplina le zone compatibili con quelle tipologie di impianti.

Dal County Council hanno dichiarato che il modello di sviluppo territoriale nel settore turistico presenta una carta preponderante .

Il piano che ha sottoscritto il Consell d’Alcaldies specifica che l’installazione d’aquests parcs d ‘ l’energia rinnovabile è un rischio per l’attività turistica della regione, poiché hanno elementi di notevole impatto sul paese e che cal una stima della persona e effetti congiunti. È anche dettagliato che questa valutazione deve avere in compte con queste infrastrutture poden l’Empordanese economy.

Si ribadisce e l’impegno della regione per le energie rinnovabili all’epoca che si deve alla Generalitat che elaborò un piano regolatore urbanistico e una moratòria de llicències che consentiva una i piantagione pulita. Si afferma inoltre che in questo processo vi sia stata una partecipazione attiva dei comuni.

La mozione ha chiesto di modificare la norma che regola l’analisi dell’impatto degli impianti e l’inclusione dell’impatto che queste infrastrutture producono sul Paese, l’economia e la società. il territorio

7 parchi eolici i 01 fotovoltaico

Attualmente l’Agència Comarcal de l’Energia i Clima constància te constància de 7 applications de parcs eòlics i 10 del fotovoltaico. I parchi eolici saranno situati a: El Far d’Empordà, La Jonquera, Capmany, Biure, Agullana e Llançà e nel caso di sol·licituds fotovoltaici: Capmany, El Far d’Empordà, l’Escala, Vilafant, Ordis, Santa Llogaia d’Àlguema, Navata, Cabanelles i Vilafant. Alcune di queste proposte hanno un accordo sfavorevole.

Su richiesta di un sindaco che ha ricevuto una modifica della mozione perché il testo comprendeva anche il trasporto di energia.

L’any 2012, il Consiglio regionale dell’Alt Empordà costituirà l’Agenzia Regionale per l’Energia e il Clima con l’obiettivo di stabilire le priorità per il territorio nell’estalvi energètic e l’implementazione delle energie rinnovabili. Attualmente, la preoccupazione tra i comuni su questo tema è notevole e un 93% dei comuni sta aderendo alla Pacte d ‘Sindaci per l’energia locale sostenibile. In considerazione della situazione attuale, il Consiglio Regionale dell’Alt Empordà propone fondi complessivi per l’approvvigionamento per contribuire allo spiegamento ordinato delle energie rinnovabili sul territorio e alla riduzione delle emissioni globali.

Milioni di studio sui trasporti pubblici

Il Consell d’Alcaldies è servito anche per presentare lo studio che è stato avviato dalla Generalitat de Catalunya e che analizzerà il trasporto pubblico esistente al fine di adeguarlo al domanda reale e le esigenze del territorio, si prega di coordinare le diverse modalità di trasporto e potenziare i servizi alla domanda e i servizi transfrontalieri del progetto Connect.

Il compta di studio con un lavoro di camp fet da interviste ai principali agenti e inchieste come Ajuntaments della regione . L’obiettivo è che tutti i comuni dispongano di un servizio di trasporto pubblico adeguato alla reale domanda, e che garantiscano l’accesso ai servizi essenziali con i centri sanitari di riferimento e che tutti i comuni siano interconnessi con la regione e gli altri comuni di riferimento.

Lo studio valuterà l’impianto di parate noves aprofitant, tra d’altres, quelle che s ‘Use for the servizio di trasporto scolastico.

Il direttore dei Servizi Territoriali del Dipartimento della Presidenza di Girona, Raül Morales, è anche intervenuto presso il Consell d’Alcaldies per informare lo stato delle procedure degli adeguamenti della temporanea Glòria.