Marcia del ricordo dei soldati maledetti ad Hajnwka. I cittadini polacchi hanno bloccato le date, ma si può fare comunque Italia24
Notizie Polonia

Marcia del ricordo dei soldati maledetti ad Hajnwka. I cittadini polacchi hanno bloccato le date, ma si può fare comunque

Dal 2016, ogni anno, i gruppi nazionali organizzano marce ad Hajnówka in Podlasie in onore di Romuald Rajs “Bury”, un soldato della resistenza anticomunista.

All’inizio del 1946, gli uomini di “Bury” fecero un’incursione criminale nella Bielsk Podlaski poviat. Hanno ucciso 30 carrettieri a Puchały Stare e bruciato i villaggi di Zaleszany, Szpaki, Zanie e Końcowizna. Un totale di 79 persone sono morte per mano dell’unità, solo civili, comprese donne e bambini.

Abbiamo parlato con gli abitanti di Zaleszany che ricordano i crimini Abbiamo parlato con gli abitanti di Zaleszany che ricordano i crimini di “Bury”

Nel 1948, Bury fu arrestato, un anno dopo processato e giustiziato a Biaystok. Nel settembre 1995, il tribunale del distretto militare di Varsavia ha annullato la sentenza. La logica affermava che Rajs combatteva in uno stato di estrema necessità. Nel 2005 si è conclusa l’inchiesta dell’Istituto della Memoria Nazionale, 14 anni dopo l’Istituto ha contestato i risultati delle proprie ricerche, rifiutando l’origine religiosa o nazionale del crimine di “Bury” e del suo popolo.

Insieme alle marce dei nazionalisti, vengono organizzate contro-manifestazioni per commemorare le vittime degli omicidi.

Marcia del ricordo dei soldati maledetti ad Hajnówka

Secondo “Gazeta Wyborcza”, i nazionalisti hanno in programma di marciare anche quest’anno, sebbene attivisti dei cittadini della Repubblica di Polonia abbiano bloccato tutte le possibili date e luoghi che consentirebbero di organizzare la marcia come un evento ciclico. In totale sono state presentate circa 20 assemblee.

L’organizzazione “Narodowa Hajnówka” ha informato su Facebook che la marcia si sarebbe tenuta come un’assemblea spontanea.

“La notifica delle assemblee all’inizio della nostra marcia è una chiara provocazione dei circoli di sinistra e un tentativo di confronto. Spari male alle date” – è stato scritto. È stata citata anche la legge sulle assemblee, in cui si afferma che “un’assemblea spontanea è un’assemblea che si svolge in connessione con un evento improvviso e imprevedibile relativo alla sfera pubblica, la cui tenuta in una data diversa sarebbe inutile o insignificante rispetto al punto di vista del dibattito pubblico “.

“1 marzo – Giornata nazionale del ricordo dei soldati maledetti!” – hanno scritto i nazionalisti.

– Protesteremo con gli stessi climi degli anni precedenti. Non sono ancora in grado di accettare il fatto che i fascisti con striscioni recanti “Bury” – l’assassino stiano cercando di attraversare le strade di Hajnówka. Per la prima volta abbiamo bloccato la possibilità di svolgere questa marcia, perché se Barbara Poleszuk lo segnalasse, potrebbe quindi organizzare queste marce come eventi ciclici per i prossimi quattro anni nello stesso luogo e non dovrebbe ottenere il permesso per loro – spiega Agnieszka Markowska dai cittadini polacchi.

Guarda il video
“In vita mia non avrei mai pensato che ad Hajnówka si sarebbero organizzate marce in onore di Bury” (febbraio 2020)

Topic Polonia