Ministero dell'Interno: nessuna grave lacuna nei controlli alle frontiere Italia24
Notizie Germania

Ministero dell'Interno: nessuna grave lacuna nei controlli alle frontiere

Ministero dell’Interno: Nessuna grave lacuna nei controlli alle frontiere

© Daniel Schäfer / dpa-Zentralbild / dpa Due agenti di polizia della polizia federale controllo viaggiatori e pendolari nel parcheggio Am Heidenholz sulla A 17 vicino a Breitenau.

Il Ministero Federale dell’Interno non vede grossi problemi con i controlli di frontiera Corona per la Repubblica Ceca iniziata domenica e il Tirolo. “È del tutto normale che ci siano difficoltà logistiche all’inizio delle misure, ma che verranno risolte rapidamente nei prossimi giorni”, ha detto il portavoce del Ministero federale degli interni, Steve Alter, dell’agenzia di stampa tedesca al Martedì alla domanda.

Lo «Spiegel» aveva precedentemente riferito di una truppa di frontiera diradata, che in pratica doveva fare affidamento su una scappatoia. Ad esempio, un valico di frontiera in Sassonia non è monitorato di notte, scrive il portale online della rivista. Il ministero ha detto che la polizia federale stava allineando i controlli con le priorità – “ma c’è un controllo continuo sulle principali vie di circolazione”.

Repubblica Ceca e gran parte del Tirolo (Austria) sono considerate aree in cui le varianti mutate del coronavirus si sono già ampiamente diffuse. Con poche eccezioni, quasi solo i tedeschi e gli stranieri residenti in Germania possono entrare da qui. Il ministro dell’Interno Horst Seehofer (CSU), in consultazione con la Baviera e la Sassonia, ha ordinato controlli fissi in queste sezioni di confine. Sono previste eccezioni per i pendolari di determinati settori. Soprattutto entrando dalla Repubblica Ceca, lunedì ci sono stati lunghi ingorghi occasionali. Martedì la situazione era più rilassata.