Notizie

Napoli, Spalletti guarda in la «Con la Roma sfida speciale. Mourinho? Battere una leggenda come lui sarebbe importante»

NAPOLI – La sfida con la Roma non sarà mai come tutte le altre per Luciano Spalletti: “E’ stata una storia bellissima, ho ancora rapporti con alcuni giocatori. Nainggolan racconta sempre le dinamiche di spogliatoio. La prossima volta lo porto nel mio staff – sorride – così fa vedere direttamente come non bisogna comportarsi ai miei giocatori”. Con Mourinho il rapporto e ottimo: “Batterlo avrebbe un significato molto importante perché sta diventando una leggenda”. Il Napoli, ad ogni modo, non ha molte alternative dopo i successi di Inter e Milan: deve vincere e rimanere in scia: “E’ inutile che pensiamo ai risultati delle milanesi, non dovevamo perdere contro la Fiorentina, ma sfortunatamente non ci siamo riusciti. Sotto il profilo dei numeri, abbiamo meno possibilità, ma non e cambiato nulla come minimo per quanto riguarda l’istinto. Dobbiamo vincerle tutte. Non faremo calcoli, le affronteremo al meglio. Cominciamo contro la Roma: sarà una sfida molto insidiosa contro un avversario che sta molto bene sotto il profilo fisico. Ci saranno tante insidie e noi dobbiamo essere bravi a proporre il nostro calcio riempendo la gara di contenuti importanti”.

I supporter chiedono Mertens e Osimhen dal 1º minuto. Spalletti non esclude l’opportunità, ma poi parla di bilanciamento: “Hanno giocato insieme nella seconda parte contro la Fiorentina. Quando eravamo sull’1-1, ci siamo allungati e c’erano loro due in campo. Vedremo, ad ogni modo, deciderò io”. L’impressione e che Spalletti confermerà il 4-3-3. Il ballottaggio e tra Fabian e Zielinski. Lo spagnolo sembra favorito: “Sta bene e sta tornando al top malgrado la pubalgia. Ad ogni modo pure Zielinski sta meglio, ci siamo allenati in maniera positiva durante questa settimana. Non recupererà Di Lorenzo, potrebbe farcela Petagna”.

ms-fon 2112

Articoli simili

Lascia un commento