Notizie

Pari con la Roma, a -4 Napoli dice addio a sogno scudetto

– NAPOLI, 18 APR – Tra Napoli e Roma al Maradona finisce con un pareggio che mette una pietra tombale sui residui sogni di scudetto degli azzurri, ora a -4 dal Milan capolista, e tiene vive le speranze dei giallorossi di poter raggiungere in extremis l’area Champions. La partita ha due aspetti diversi nel 1º e nella seconda parte. Nella 1ª frazione di gioco gioca meglio il Napoli, sebbene il team di Spalletti non riesce a creare molte opportunità da gol, mettendo a frutto una netta superiorità rispetto all’avversaria. Nel secondo tempo e invece la Roma a venir fuori, grazie pure a un riassetto tattico voluto da Mourinho che sostituisce Cristante con Mkhitaryan e sposta decisamente il baricentro del gioco in chiave . Il Napoli trova il gol del vantaggio dopo soli 11′ di gioco. Insigne trasforma un rigore che si procura Lozano, lanciato da Lobotka. Il messicano entra in area di rigore e viene tamponato da Ibanez, ma l’arbitro Di Bello fa durare l’azione. Il Var, però, lo richiama suggerendogli il controllo al video dal quale risulta palese un tocco di Ibanez sulla caviglia di Lozano. Insigne trasforma in rete con un rasoterra sulla destra di Rui Patricio. Nel secondo tempo e la Roma a prendere in mano la partita. Pure il team di Mourinho però, non capitalizza in opportunità da gol il gran lavoro dei centrocampisti e oltretutto delle persone di fascia, Karsdorp e Zalewski, che propongono continuamente traversoni a centro area. Il valzer delle sostituzioni, alla fine, premia la Roma che al 1º minuto di recupero va in rete con El Shaarawy, subentrato a Zalewski, che insacca con un rasoterra, sfruttando un passaggio da destra di Pellegrini e due ‘veli’ consecutivi di Abraham e di Felix. E’ un gol molto pesante: per il Napoli svanisce il sogno scudetto, per la Roma si mantengono vivi orizzonti europei.

ms-fon 2112

Articoli simili

Articoli simili

Lascia un commento