Prigione per l'uomo che ha schiaffeggiato Emmanuel Macron, presidente della Francia Italia24
Notizie Spagna

Prigione per l'uomo che ha schiaffeggiato Emmanuel Macron, presidente della Francia

Carcere per l’uomo che ha schiaffeggiato Emmanuel Macron, presidente della Francia

VALENCE, FRANCIA – Un francese 28 di anni che si considera un “patriota” di destra è stato condannato giovedì a quattro mesi di carcere per aver schiaffeggiato il presidente Emmanuel Macron.

Damien Tarel è stato anche bandito dai pubblici uffici in Francia e dal possesso di armi per cinque anni per l’attacco di martedì. Tarel ha schiaffeggiato il presidente sulla guancia sinistra mentre salutava una folla.

Durante il giovedì processo, Tarel ha testimoniato che l’attacco è stato impulsivo, innescato dal “declino” della Francia. Si è seduto in posizione eretta e non ha mostrato alcuna emozione quando il tribunale della città di Valence, nel sud-est del paese, lo ha condannato con l’accusa di violenza contro un’autorità pubblica. È stato condannato a quattro mesi di carcere e un’ulteriore pena sospesa di 14 mesi. La sua ragazza si è messa a piangere

Tarel —che ha gridato una vecchia espressione francese anti-monarchia mentre schiaffeggiava – si descriveva come un “patriota” di destra o di estrema destra e un membro del movimento di protesta economica dei gilet gialli che è emerso in 2018 Y

.

Sereno e calmo, ha difeso con fermezza la sua azione e le sue opinioni su Macron, senza fornire dettagli su quali politiche vuole che la Francia cambi.

Tarel ha ammesso di aver colpito il presidente con uno schiaffo “piuttosto violento”. Ha detto alla corte che quando ha visto “il suo sguardo amichevole e bugiardo, mi sono sentito disgustato e ho avuto una reazione violenta”. Ha aggiunto che “è stata una reazione impulsiva… io stesso sono rimasto sorpreso dalla violenza”.

Mentre ha detto che lui e i suoi amici avevano preso in considerazione l’idea di portare una torta di uova o crema da lanciare al presidente, ha detto che hanno abbandonato l’idea e hanno insistito che lo schiaffo non era premeditato. )

“Penso che Emmanuel Macron rappresenti il ​​declino del nostro Paese”, ha detto, senza spiegare a cosa si riferisse.

Macron ha rifiutato per commentare giovedì sul processo, ma ha insistito sul fatto che “nulla giustifica la violenza in una società democratica”