Notizie

1º Maggio Concertone della ripartenza a Roma



Roma, 1 maggio 2021 – Il 1º Maggio, il Concertone, la musica, le testimonianze e i racconti. Ha provato a recuperare un po’ di normalità la convenzionale manifestazione promossa dai sindacati nel giorno della Festa degli impiegati. Rinunciando di nuovo alla piazza (dopo lo show prettamente televisivo {dello scorso anno}, in pieno lock down), si e però ripresa la dimensione live, con il cast corposo che si e alternato in parte in presenza alla Cavea dell’Auditorium Parco della Musica, davanti a poche centinaia di invitati, distanziati e con mascherina, in parte in collegamento da diverse location della penisola e non solo (Lp da Los Angeles, Noel Gallagher da Londra). Un’alternanza che ha permesso agli artisti di non incontrarsi e di sanificare il palco ad ogni passaggio.

Ostellari e Ddl Zan: chi e il senatore leghista e perché Fedez lo ha attaccato

A non cambiare, oltre in quel periodo capriccioso di inizio maggio che ha bagnato ad intermittenza la costruzione ideata da Renzo Piano, e stata la conduzione di Ambra Angiolini, ormai al 4º consecutivo. Accanto a lei Stefano Fresi, oltre alle incursioni di Lillo Petrolo. E a non mancare e stata pure Bella Ciao, colonna sonora di ogni Concertone che si rispetti, portato dai Modena City Ramblers. Gli artisti in cartellone sono stati oltre una quarantina e fra loro c’e stato tanto, tantissimo Sanremo: da Gio Evan a Gaia, da Bugo a Fasma, passando per Folcast, Gaudiano, Wrongonyou. E poi Max Gazzè, ComaCose, La Rappresentante di Lista, Colapesce Dimartino, Fedez, Francesca Michielin, Extraliscio, Noemi, Francesco Renga, Ermal Meta, Madame, tutti passati dall’Ariston per l’ultima edizione del Festival.

L’apertura da una piazza San Giovanni desolatamente vuota e grigia e stata assegnata all’Orchestraccia, con un omaggio a Giorgio Gaber, ricordato pure da Ambra e Stefano Fresi che hanno letto un suo testo. Alla Cavea il via lo ha dato Alex Britti, che aveva chiuso il passato anno. E sul palco e arrivata pure Chadia Rodriguez che ha lasciato a bocca aperta togliendosi il top e rimanendo a seno nudo (coperto da cuori arcobaleno) per poi urlare: “Libera l’amore, ma con chi vogliamo e quanto vogliamo”. 

Ma non e mancata pure la polemica. “Ovviamente da persona libera mi assumo tutta la colpa di ciò che dico e faccio. Il contenuto di questo intervento e stato definito inopportuno dalla vicedirettrice di Raitre“, ha comunicato dal palco il cantante Fedez, in riguardo a una presunta censura politica al suo intervento: “E’ stata 1ª volta che mi è accaduto di dover inviare il testo del mio intervento”, afferma il rapper, spiegando che “i capi di Rai3 mi hanno chiesto di aggiustare il monologo, poi alla fine mi e stato dato l’autorizzazione di esprimermi liberamente”. In un comunicato rilasciata di sera, però, Viale Mazzini ha smentito l’episodio: “E fortemente scorretto e privo di fondamento sostenere che la Rai abbia chiesto anticipatamente i testi degli artisti”, ha fatto sapere la Rai, aggiungendo di non aver “mai operato forme di censura preventiva“.

Ddl Zan, il testo integrale in Pdf

Sulla manifestazione pure il sigillo del presidente della Repubblica Sergio Mattarella: “A celebrare il 1º maggio ci sarà pure quest’anno il Concertone, che pure dovrà rispettare forma notevolmente austere: vuole essere pure un segno di ripresa per la musica, lo show, la cultura, in modo che siano di nuovo fruibili dal vivo e possano contribuire alla ripartenza”.


The post in italian is about:


L’article en italien concerne :

Articoli simili