Notizie

Roma, rabbia Mourinho «Devono farci giocare le partite. Mi vergogno dell arbitraggio»

Josè Mourinho e soddisfatto per il pareggio preso per capelli, ma e molto arrabbiato con l’arbitro Di Bello e con il Var Di Paolo che a suo giudizio avrebbero impedito alla Roma di “potersi giocare la partita”. Ai microfoni di Dazn il tecnico giallorosso esprime il suo rammarico. «Oggi – dice – mi e sembrato che non avevamo il diritto di giocare per vincere questa partita. Ho letto nei giorni passati su qualche giornale che il campionato si deciderà se un arbitro sbaglia contro una delle team che giocano per vincere lo scudetto. Oggi mi e sembrato che fosse impossibile per noi vincere questa partita. Per il comportamento del signor Di Paolo e del signor Di Bello in qualche momento della partita ho profondo vergogna di essere li. Ci sono come minimo 3 3 episodi sui quali ho da recriminare: in particolar modo il rosso a Zanoli e il rigore non fischiato a Zaniolo per fallo di Meret. Ci vuole rispetto. Oggi abbiamo giocato senza i nostri supporter che sono a casa. Io voglio avere il diritto di giocare. Noi non siamo stati bravi sufficientemente per un periodo in questa stagione e perciò non possiamo lottare per lo scudetto, ma voglio avere diritto di giocare per vincere la partita».

Al tecnico giallorosso risponde Luciano Spalletti. «E dall’inizio dell’anno – osserva l’tecnico del Napoli – che dico a tutti i componenti della mia panchina di comportarsi bene, di stare seduti e buoni. Ma e dall’inizio dell’anno che vedo che le altre team fanno il team di casa, entrano in campo, montano addosso a tutti. Se tornassi indietro non lo farei più perché alla fine si finisce per essere condizionati da questo atteggiamento Noi si far fare il lavoro agli arbitro. Di Bello a ragione richiamato dal Var perché su Lozano e calcio di rigore, a Di Bello è capitato di non vederlo ed e una cosa corretta».

Parlando della partita, Mourinho osserva: «La mia squadra ha giocato benissimo e cresciuta nel corso della gara però mi sembrava impossibile finire con un risultato positivo. Penso che la mia squadra sia stata fantastica. Dopo la partita di giovedì il campo sembrava l’Everest, era in salita. Abbiamo dimostrato grande qualità, grande carattere e una condizione fisica e mentale incredibile». Spalletti ammette un pò di delusione. «La partita – spiega – e stata giocata ad intermittenza bene ma avevamo a che fare con una squadra forte che ci ha creato qualche problema. Il dispiacere maggiore e che nella parte finale non siamo stati bravi a gestire la palla come mi aspettavo. Abbiamo preso un gol da un punto d visa tattico che poteva essere evitato».

Di Insigne, che ha fine gara ha salutato commosso fino alla lacrime il pubblico del Maradona, Spalletti dice:«L’episodio che si avvicini il momento di lasciare il campionato e il team dove ha sempre giocato crea situazioni particolari. Ad ogni modo mi sembra che abbia giocato un buon match e che quando c’e stato da prendersi qualche responsabilità abbia assolto pienamente il compito». «Avevamo 4 giocatori freschi su 5 e – conclude il tecnico del Napoli – e si doveva fare qualche cosa di più, ma non ci siamo riusciti ed e diventato tutto più difficile. Il risultato di oggi ci penalizza da un parere dell’alta classifica, ma ad intermittenza abbiamo giocato un buonissimo calcio. Alla fine abbiamo un pò sofferto e ci e il palleggio, la qualità e la freschezza».

ms-fon 2112

Articoli simili

Lascia un commento