Notizie

Roma apre un buco nel soffitto per occupare una casa Il vecchio inquilino era deceduto da poco



Una casa popolare dell’Ater era rimasta libera l’inquilino era deceduto. Ma da quella casa si sentivano degli strani rumori come se ci fossero i fantasmi. Come poteva accadere che i rumori si riproducessero quando la casa sarebbe dovuta essere vuota? Un dilemma che hanno sciolto i caschi bianchi delle forze dell’ordine Roma Capitale dopo un sopralluogo dell’abitazione all’ultimo piano di un appartamento dell’Ater in via Ostuni al Quarticciolo.

I poliziotti hanno fatto svariate visite e nei primi casi non c’era niente che destava sospetti. Il portone d’ingresso era chiuso e non c’erano segni d’effrazione. In un 1º tempo, hanno pensato i vigili, che si era trattato di una falsa segnalazione. Ma poi i rumori si registravano ancora. I condomini hanno richiamato i caschi bianchi sempre per dei rumori nella casa lasciata sfitta per la dipartita dell’inquilino. Questa volta i poliziotti del V gruppo Casilino hanno voluto vederci più chiaro ed hanno fatto un sopralluogo che ha riguardato pure il terrazzo condominiale. Così si sono accorti di una botola che dal terrazzo dava nell’appartamento dove e stato fatto un buco nel quale e stata appoggiata una scala. Ecco allora che e apparso chiaro come qualcuno avesse occupato la casa sfruttando il trucco della botola sul terrazzo condominiale. I vigili si sono allora appostati per capire chi usava questa botola e ad un certo punto e apparso un signore che si è abbassato ne boccaporto accedendo all’abitazione attraverso una scala. A quel punto i poliziotti degli agenti di pubblica sicurezza locale si sono palesati ed hanno bloccato l’occupante abusivo. L’uomo e stato preso quando gia stava dentro la casa, ancora ammobiliata con le cose dell’ultimo proprietario. Sarebbe stata questione di pochi giorni ed i famigliari della persona deceduta avrebbero tolto dalla casa il mobilio. Ad essere preso in flagranza di reato e stato un polacco di 56 anni che è stato fermato mentre gia assaporava la casa nuova. L’uomo gia si era messo a vedere la televisione come se, appunto, stesse a la sua abitazione. E, intanto, beveva nella nuova dimora. Ma i poliziotti l’hanno subito bloccato dopo avere confiscato un piccone con il quale aveva fatto il buco nel soffitto.

«Che volete da me?» Ha risposto il polacco agli agenti. «Sono a casa mia, l’ho occupata per 1º. Non ho rotto neanche la serratura». Tutte cose non vere. E ovvio che c’e una graduatoria dell’Ater per riaffittare la casa. Il polacco non e neanche registrato all’Ater ed e totalmente abusivo. I poliziotti delle forze dell’ordine Locale hanno portato il polacco nei loro uffici dove l’uomo, sebbene ha cercato di discolparsi, e stato denunciato per occupazione abusiva e danneggiamento. Reati tutti e due penali. Dunque, lo straniero rischia un processo proprio per avere occupato l’abitazione.

Intanto i condomini dello stabile hanno ringraziato i poliziotti degli agenti di pubblica sicurezza locale di Roma Capitale per essere riusciti a far luce sulla singolare occupazione abusiva. L’Ater ha gia fatto intervenire suoi operai per chiudere la botola dalla terrazza condominiale.


The post in italian is about:
Rome, opens a hole in the ceiling to occupy a house. The old tenant had recently died

A 56-year-old Pole dug from the terrace. The man is not registered in the Ater ranking, now the apartment will be reassigned


L’article en italien concerne :
Rome, ouvre un trou dans le plafond pour occuper une maison. L'ancien locataire venait de décéder

Un Polonais de 56 ans a creusé depuis la terrasse. L'homme n'est pas inscrit au classement Ater, maintenant l'appartement va être réaffecté

Articoli simili