Notizie Latina

Tabaccaio gambizzato a Latina: individuati i responsabili e il movente

#Tabaccaio #gambizzato #Latina #individuati #responsabili #movente

Hanno gambizzato un tabaccaio colpendolo con due colpi di pistola. E’ successo 8 anni fa, verso le ore 16.00 del 20 Agosto 2014 tra via dei Mille e via Vittorio Veneto, a Latina. Non si sapeva né chi fosse stato e né perché lo avesse fatto. Difatti, L’indagine della Procura della Repubblica di Latina era stata archiviata ma grazie ad altri riscontri raccolti dalla Squadra Mobile, a partire dalle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia, e stata riaperta, Grazie alle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia Renato Pugliese e Agostino Riccardo, portando all’identificazione del movente e dei presunti responsabili, committente ed esecutore materiale.

Leggi pure: Entrano armati in tabaccheria: rapinate nonna e nipote

Gli spari e la gambizzazione

Nell’operazione Stato Quo, i Carabinieri hanno ricostruito l’indagine sul tabaccaio gambizzato a colpi di pistola verso le 16:00 del 20 agosto 2014. La vittima si trovava in negozio con la sorella quando, dalla porta, fece il suo ingresso un signore armato e con il viso coperto da un casco. Dopo pochi istanti, Marco U., ha ricevuto una pistola puntata contro.

Da quest’ultima, il delinquente ha fatto partire due colpi: il 1º ha fallito il soggetto, il secondo lo ha colpito ad una caviglia. Una volta arrivati i soccorsi, il tabaccaio era stato ascoltato dagli inquirenti riferendo di non aver mai avuto problemi e di non essere stato mai minacciato. Dalle prime inchieste della Squadra Mobile, gli inquirenti avevano individuato il mezzo a bordo del quale l’autore dell’attentato si era allontanato, ritrovato poco lontano in via Curtatone e sul quale era stato trovato materiale genetico di Valentina. T. Altresi, nell’indagine sono finiti pure i fotogrammi di una telecamera esterna che ha segnato il rilevante passaggio di uno scooter con a bordo un signore che indossava un casco.

L’aggravante mafiosa

Nell’ordinanza di custodia cautelare il Giudice Conforti, per le inchieste preliminari del Tribunale di Roma, e riuscita ad arrivare ad una conclusione: l’uomo sospettato di avere sparato e J. M. , compagno di ValentinaT. , (condannato nei giorni passati per gli scippi seriali), mentre il committente si crede fosse Travali. Il Giudice ha contestato l’aggravante delle forma mafiose oltretutto per la forza di intimidazione e di appartenenza all’associazione a delinquere. I pentiti hanno riferito che l’azione ritorsiva nei riguardi del tabaccaio era riconducibile per vendicare la denuncia presentata alcuni anni 1ª dal commerciante nei riguardi della madre di Travali. 

Notizie Latina

Articoli simili