Vienna vuole prevenire la terza onda corona con test di massa Italia24
Notizie Germania

Vienna vuole prevenire la terza onda corona con test di massa

Vienna vuole prevenire la terza onda corona con test di massa

L’Austria sta cercando la via del ritorno alla vita di tutti i giorni dopo il blocco. Per questo, parallelamente al rilassamento nel commercio e nell’istruzione, i test corona stanno diventando un compagno costante, dal parrucchiere e nelle scuole.

Jeder Schüler testet sich selbst: Beim © picture alliance / dpa / APA Ogni studente mette alla prova se stesso: Al

L’Austria è rimasta chiusa per sei settimane, le scuole e i negozi del paese sono stati nuovamente aperti da lunedì mattina. Dietro le quinte, tuttavia, le persone coinvolte discutono. Soprattutto di trattare con lo stato del Tirolo, che confina con la Germania.

Gli esperti avvertono della diffusione incontrollata della variante del virus corona scoperta in Sud Africa. Era in discussione un partizionamento della regione, alla fine il governo austriaco ha deciso di emettere un avviso di viaggio nel proprio paese: Vienna sconsiglia viaggi non necessari in Tirolo e chiede a chi torna dallo stato di essere urgentemente testato.

Termin nur nach negativem Corona-Test: Eine Friseurmeisterin in Graz bei der Terminkoordinierung © KARIN ZEHETLEITNER / APA / picture alliance Appuntamenti solo dopo un test corona negativo: un parrucchiere a Graz che coordina gli appuntamenti

L’allentamento del commercio e delle scuole si applica all’intera Austria. L’incidenza settimanale di più di 32 è attiva 60. 000 residenti ben al di sopra del valore attualmente specificato per la Germania e probabilmente porterà a un’estensione del blocco

Strade diverse

Finora, l’Austria si era più volte orientata verso le misure del suo grande paese vicino nella crisi della corona, ma ora il paese di nove milioni di abitanti sta prendendo una direzione diversa.

La popolazione è stanca del blocco, ha detto il cancelliere federale Sebastian Kurz in un’intervista al quotidiano “Welt am Sonntag”: “Nelle ultime due settimane, i nostri tassi di contagio non sono diminuiti perché sempre meno persone hanno seguito le regole e sono tornate di nuovo. desiderio di più libertà. “

Reaktion auf die Lockerungen: verschärfte Grenzkontrollen zwischen Deutschland und Österreich © Barbara Gindl / APA / picture alliance Risposta all’allentamento: controlli rafforzati alle frontiere tra Germania e Austria

Tuttavia, le nuove libertà per i cittadini non esistono del tutto senza considerazione. Il paese sta stabilendo un rigoroso regime di test e ricerca dei contatti in molte aree. Niente più appuntamenti di parrucchiere senza un test corona in corso e regolamenti più severi si applicano anche all’ingresso da mercoledì.

Di conseguenza, deve differire da 10. Febbraio per registrarsi elettronicamente e testare per pendolari e pendolari scolastici. Per tutti gli altri visitatori ci sono regole ancora più severe: chiunque volesse attraversare velocemente il confine dalla Baviera per fare rifornimento dovrebbe essere in quarantena anche con un test negativo.

Pressione dei genitori

I controlli più severi alla frontiera fanno parte del prezzo dell’allentamento per la propria popolazione. La pressione sul governo si era accumulata da più parti: in particolare l’economia dipendente dal turismo ha lanciato l’allarme.

Ma non solo le aziende hanno chiesto un cambio di rotta. Anche nelle scuole del paese si è accumulato un grande risentimento, spiega il sindacalista Paul Kimberger in un’intervista con DW. Verteidigt die Öffnung der Schulen: Bildungsminister Heinz Faßmann (ÖVP) © HELMUT FOHRINGER / APA / picture alliance Difende l’apertura delle scuole: il ministro dell’Istruzione Heinz Faßmann (ÖVP)

“La pressione dei genitori era enorme”, ha affermato il principale sindacato degli insegnanti austriaci per le scuole dell’obbligo. Secondo lui l’alternativa all’insegnamento faccia a faccia ha raggiunto i suoi limiti.

“Quello che abbiamo imparato nelle ultime settimane e mesi è che l’apprendimento a distanza non può sostituire l’insegnamento faccia a faccia. Non si tratta tanto di trasmettere la conoscenza, quanto della questione della scuola come struttura sociale”.

Il ministro dell’Istruzione responsabile la vede allo stesso modo: “È molto importante che bambini e giovani incontrino di nuovo i loro amici”, ha detto Heinz Faßmann del Partito popolare austriaco conservatore (ÖVP). “E che i bambini ottengano di nuovo una struttura temporale vincolante.”

I test di massa dovrebbero portare sicurezza

La tempistica dell’apertura, come concordano sindacati e politici, è complicata data la diffusione accelerata delle mutazioni. Per tenere la situazione sotto controllo, il governo fa affidamento sulla massiccia espansione di test, classi divise e un modello di passaggio per i gruppi di età più avanzata.

D’ora in poi, tutti gli studenti devono mettersi alla prova per il coronavirus prima delle lezioni con il test dell’antigene, affettuosamente conosciuto in Austria come “test del trapano del naso”. Solo coloro che possono mostrare un test rapido Corona negativo possono prendere parte alle lezioni in aula. Se non vuoi fare il test ogni pochi giorni, devi studiare da casa.

Grundschulen für alle geöffnet, doch die älteren Jahrgänge müssen in den Wechselunterricht © Roland Mühlanger / dpa / picture alliance Scuole primarie aperte a tutti, ma i gruppi di età più avanzata devono prendere lezioni alternate

A differenza del test utilizzato dal personale medico professionale, che preleva il campione dalla parte posteriore della gola, nel “nose bur test” il tampone di cotone viene inserito solo pochi centimetri nel naso.

Questo è molto più piacevole per i bambini, ma anche meno affidabile quando si rintraccia persone infette. Tuttavia 20 le autorità hanno riportato risultati positivi dei test dopo il primo giorno di scuola solo per la capitale Vienna.

“Lo sforzo logistico per la misura è enorme”, spiega il sindacalista Kimberger. “Abbiamo bisogno di 1,8 milioni di autotest dell’antigene per gli alunni. Abbiamo bisogno di una logistica enorme per le stazioni di prova degli oltre 126. 000 Insegnanti in Austria. Anche loro vengono testati regolarmente. “

Prossimo blocco tra tre settimane?

I requisiti del governo per le scuole si basano, tra le altre cose, su uno studio condotto da ricercatori austriaci a gennaio. La fisica Jana Lasser dell’Università di Medicina di Vienna e del “Complexity Science Hub Vienna” è uno dei suoi autori.

Crede che le scuole possano essere aperte con rigorose precauzioni di sicurezza. “Nel calcolo del modello, vediamo che tra le misure che vengono ora prese nelle nostre scuole in Austria, ci sono in media da no a un massimo di tre o quattro casi successivi quando il virus entra nella scuola”, ha detto Lasser a DW.

Nach dem Lockdown ist vor dem Lockdown? Österreichs Bundeskanzler Sebastian Kurz © Ronald Zak / AP Photo / picture alliance Dopo il blocco è prima del blocco? Il cancelliere federale austriaco Sebastian Kurz

Il rischio di diffusione varia a seconda del tipo di scuola ed è probabile che sia più basso nelle scuole primarie. La loro dimensione per lo più molto gestibile, che in Austria è valutata come buona 20 I bambini con classi di dimensioni inferiori e la gran parte della rinuncia degli insegnanti di materia che cambiano classe più volte al giorno beneficiano di questo tipo di scuola, afferma Lasser

Presto diventerà chiaro se i test di massa aumentano effettivamente la sicurezza nelle scuole. Di recente ha sentito spesso previsioni fosche, riferisce il sindacalista Kimberger: “Alcuni esperti dicono che questa apertura della scuola sarà finita tra tre settimane e che dovremo chiudere di nuovo”.

Autore: Andreas Noll